Diritto bancario e addetto allo sportello

Il diritto bancario, a livello strettamente giuridico, è una materia che può sembrare tecnica. Questa è una questione che interessa a tutti, perché qualsiasi pagamento, qualsiasi credito, necessità di finanziamento, mobilita le regole del diritto bancario. Il diritto bancario si gioca all’interno di una filiale bancaria, ma si gioca anche in molti altri luoghi (pagamento con carta di credito, acquisto online, un progetto di finanziamento). Chiunque lavori all’interno di una banca dovrebbe conoscerne almeno i rudimenti incluso ovviamente l’operatore di sportello bancario che tutti i giorni rappresenta la banca davanti i clienti.

La materia, inoltre, non è così tecnica come appare a prima vista perché trova i suoi fondamenti nelle norme del diritto civile ma anche venata di diritto speciale perché nel diritto bancario vi sono ambiti diversi: un aspetto molto importante campo è il diritto bancario dei consumatori ma anche quello del diritto bancario istituzionale. Allo stesso modo, ci sono alcune regole nel diritto commerciale, tradizionalmente i primi strumenti di credito erano strumenti di commercianti per commercianti ad esempio pagamenti con cambiali. Il diritto bancario è per la maggior parte di origine civile, alcune istituzioni con diritto commerciale del medioevo e un ampio strato di diritto speciale che può arrivare fino a tecnicismi molto elevati. Si tratta di una materia al crocevia di numerosi altri soggetti (diritto delle nuove tecnologie, diritto dei dati personali). In questa guida approfondiamo alcune delle conoscenze di tale materia che interessano gli addetti allo sportello.

 

Cosa deve sapere un operatore di sportello bancario: diritto bancario nuove competenze

 

Nella società c’è molto sovraindebitamento delle famiglie, quindi daremo forma alle regole bancarie di fronte a questi problemi. L’osservazione dei fatti sociali ha portato a cambiamenti nelle leggi che regolano le banche. Si può citare anche l’osservazione di una certa esclusione bancaria di una certa fascia di popolazione (assenza di conti bancari per alcune persone) che influenzerà il diritto bancario (diritto al conto, ecc.).

Anche il diritto bancario è strettamente legato all’economia. È al centro dei maggiori equilibri economici e monetari, che possono essere spiegati dal ruolo delle banche nelle economie. Le banche occupano un posto centrale tra gli agenti che hanno bisogno di denaro (quindi hanno bisogno di denaro) come le aziende con esigenze di finanziamento strutturale (per contanti) e i privati ​​che hanno bisogno di prestiti, e gli agenti che possono offrire denaro (in senso economico, questo significa che siamo rivolgendosi ai depositanti che depositano in conti bancari, ai risparmiatori e, più in generale, agli investitori). Saranno loro gli intermediari perché raccolgono la valuta e la ridistribuiscono sotto forma di crediti. Non sono intermediari neutrali, perché non solo lo raccoglie ma lo ridistribuisce tra chi lo possiede e chi ne ha bisogno.

Certamente sì, ma ciò che è molto particolare, è non si accontenta di compiere un’operazione di distribuzione, opera una trasformazione monetaria. La trasformazione bancaria consentirà alle banche di creare denaro: quando una banca presta 100, non deve necessariamente incassare 100, si applica un rapporto e richiede che le banche abbiano un valore di 8 quando presta 100. È un rapporto prudenziale.

Quando riscuote, il denaro sarà in parte prestato. Le banche sono altamente regolamentate perché, a causa di questa operazione di trasformazione monetaria, corrono due tipi di rischi per l’economia: mentre procede alla creazione di moneta, può procedere all’inflazione e le banche sono gli agenti a cui le autorità affidano la riscossione dei valuta (anche se ora lo fanno le aziende).

Quando il denaro viene raccolto e smaltito, i depositanti sono messi a rischio (in caso di fallimento). Ecco perché un intero corpus di regole arriva a imporre regole prudenziali agli istituti di credito (termini, a chi lo fanno, ecc.).

Questi rischi determinano una serie di regole che avranno un’influenza sulla legge bancaria. Le banche a causa delle loro attività (raccolta, risparmio, creazione di denaro) saranno fortemente regolamentate. Il regolamento si applicherà in maniera continuativa. Le regole istituzionali si applicano all’ente durante tutta l’attività ed esiste anche un regolamento di funzionamento. La regolamentazione degli stabilimenti e la regolamentazione delle operazioni costituiscono diritto bancario.

 

 

Cosa deve sapere un operatore di sportello bancario: operazioni bancarie

 

Negli anni è stato ridefinito il monopolio bancario lasciando solo una quota residua in termini di pagamento agli istituti di credito. I prestatori di servizi di pagamento sono di tre tipi:

 

  • istituti di credito,
  • istituti di moneta elettronica,
  • istituti di pagamento.

 

Da quando è stato creato lo status di moneta elettronica, per cui gli istituti di credito non hanno più il monopolio sull’emissione di moneta elettronica, tengono solo “esclusività” degli assegni in termini di servizi di pagamento. Il concetto di istituto di credito è cambiato e comprende due operazioni: la ricezione di fondi dal pubblico e la concessione di crediti.

La concessione del credito è aperta ad altri poiché compare lo status di società finanziaria. Si tratta quindi di una progressiva contrazione del monopolio bancario con nuovi attori. Per essere qualificate come operazioni bancarie, devono essere eseguite come di consueto. Poiché queste operazioni sono considerate operazioni rischiose, alle banche è vietato svolgere una serie di altre attività. Il perché è per tutelare i risparmiatori si vuole impedire alle banche di intraprendere attività commerciali che rappresenterebbero un rischio troppo grande per la loro attività di deposito.

Sono comunque autorizzati a svolgere un certo numero di attività connesse:

 

  • transazioni in cambi, oro e metalli preziosi,
  • operazioni in titoli,
  • locazione tramite locazione finanziaria,
  • servizi di pagamento.

 

Accanto a queste attività, negli ultimi trent’anni gli istituti di credito hanno fortemente diversificato la propria attività per lo sviluppo dei servizi finanziari. Oggi le banche hanno un doppio cappello: istituti di credito (cappello principale) e fornitore di servizi di investimento (cappello accessorio).

 

 

Operazioni di credito: cosa deve controllare un addetto allo sportello bancario

 

Un’operazione di credito è qualsiasi atto mediante il quale una persona che agisce a titolo oneroso rende o promette di mettere fondi a disposizione di un’altra persona, o assume nell’interesse di quest’ultima un impegno mediante firma come un avallo, un’obbligazione o una garanzia.

Il leasing e, in genere, qualsiasi operazione di locazione accompagnata da un’opzione di acquisto sono assimilati alle operazioni di credito. Questa definizione è molto insoddisfacente perché comprendiamo che c’è un problema di unità.

Il prestito è quindi una forma di operazione di credito, ma è una forma tra le altre. La promessa di prestito è l'”autorizzazione allo scoperto“. I crediti di firma sono transazioni di credito perché la banca sarà garante per il suo cliente. Le garanzie bancarie sono una parte importante del diritto bancario. Il leasing è la locazione di un immobile con possibilità di acquisto a fine locazione. In realtà, il bene viene acquistato dall’istituto di credito, locato al proprio cliente, su richiesta del cliente, e che include necessariamente un’opzione di acquisto.

 

Per operazioni bancarie si intendono le operazioni bancarie: ovvero le operazioni effettuate dagli istituti di credito nell’ambito del loro rapporto contrattuale con i propri clienti o eventualmente con altri istituti di credito.

 

 

Obblighi e doveri del bancario

 

Come ogni professionista, il bancario ha obblighi o doveri. Alcuni sono comuni ad altri professionisti (il dovere di informare con una colorazione particolare in ambito bancario). È spesso più denso che in altri settori di attività (ma non rispetto alle assicurazioni) e assume specifiche variazioni. Si trova in quasi tutti i settori di attività, tuttavia i doveri dei bancari sono più specifici e specifici della loro professione.

Questi doveri specifici sono spiegati dalla particolare posizione ricoperta dal bancario nei confronti della sua clientela. Il bancario consentirà la realizzazione di operazioni sia quotidiane che che impegnano una parte della vita dei suoi clienti.

La linea di condotta che il bancario deve seguire è complicata. Si dice spesso che è una linea di confine tra una discreta distanza con il suo cliente e uno sguardo saggio alle transazioni che il suo cliente effettua. Questi doveri e obblighi professionali che spiegheremo sono in parte previsti dalla legge. Trovano inoltre la loro origine in gran parte nella giurisprudenza che li libera in occasione di determinate controversie specifiche.

Tali doveri professionali hanno quindi un duplice aspetto: sia legale che giurisprudenziale, che generalmente sorgono in caso di contenzioso di responsabilità. Il contenzioso civile: si tratta di un contenzioso di responsabilità civile che si esercita nel quadro classico. Ciò che è abbastanza comune è il cliente che non è attore nell’azione ma nel risarcimento per domanda riconvenzionale.

Il contenzioso di responsabilità è costituito in parte da una difesa promossa da una clientela quando le banche hanno intrapreso un’azione legale. Gli obblighi dei bancario possono sorgere anche durante il contenzioso penale (esiste un diritto penale bancario), la responsabilità disciplinare può essere assunta dal dipendente che dovrebbe per tutelarsi rispettare il principio di non interferenza ovvero il bancario ha il dovere di non interferire nella conduzione, purché siano leciti, degli affari del suo cliente. Deve mantenere una certa distanza e mostrare “neutralità”.

Poi il dovere del segreto la legge sancisce un principio che di solito viene chiamato “segreto bancario” il che significa che il bancario ha un dovere di segreto: non deve divulgare informazioni riservate su questi clienti.

Questo dovere di segretezza, chi protegge? Mira a tutelare il cliente ma, ancor più in generale, tutte le persone con cui il bancario entrerà in contatto (come l’agente incaricato della gestione del conto di un cliente, come il beneficiario di un assegno). Il segreto bancario è opponibile a terzi e in misura significativa. Indurrà il bancario a rifiutarsi di comunicare informazioni sul suo cliente.

Detto questo, a differenza di altri segreti professionali, il segreto bancario è relativo. È relativo perché il cliente può autorizzare il proprio bancario a rivelare determinate informazioni a terzi (determinati o pubblici).

Le banche tendono a inserire clausole nei contratti per consentire a se stesse di divulgare queste informazioni. Il bancario deve osservarlo nei confronti di qualsiasi soggetto, anche nei confronti di altri istituti di credito: la legge non prevede la condivisione dei segreti tra istituti.

Vi sono deroghe al segreto bancario, che tendono ad essere sempre più numerose: nei procedimenti penali (il segreto bancario non può essere opposto all’autorità giudiziaria), nel caso di sequestro-attribuzione a terzo titolare (deve indicare il saldo del cliente sequestrato), procedimenti di divorzio (se il giudice reclama i saldi di conti bancari per fissare le pensioni o liquidazione del regime patrimoniale).

Ci sono tantissime altre cose che una persona che lavora in banca dovrebbe conoscere oggi ne abbiamo introdotte solo alcune.

Rosalba Fiore

E’ un’imprenditrice digitale, formatrice e consulente. Da oltre 10 anni all’albo dei periti ed esperti presso Camera di Commercio e consulente tecnico d’ufficio (CTU) del Tribunale di Potenza (accrediti li trovi qui), spesso ospite presso conferenze di settore in Italia e all’estero (vedi qui). Laureata in Matematica, ha conseguito numerose certificazioni internazionali ed ha completato la sua formazione nel 2018 con studi in economia e marketing alla prestigiosa Università americana Harvard Business School Online ed attualmente è impegnata nel conseguimento di una seconda laurea.

Ha un’esperienza ventennale, maturata come consulente e formatrice presso grandi multinazionali ad esempio Alitalia, Poste Italiane, Autostrade per l’Italia, ISUFI Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare (Scuola Normale) etc. Rivedi la sua intervista che spiega i benefici che i clienti ottengono rilasciata a Millionaire.it >>

Se vuoi che io ed il mio team ci occupiamo del tuo orientamento per uno dei nostri corsi, fai clic qui.

Leggi Altri Articoli in Categoria

Chiusura

8-26 Agosto