Come aprire con Corso SAB attività Somministrazione Alimenti e Bevande

Cosa vuol dire la Somministrazione di Alimenti e Bevande e perché è richiesto il corso SAB ? Come funzionano le attività di ristorazione e più in generale i settore food? Queste domande se le pone chiunque voglia aprire un bar, un ristorante una pizzeria, un B&B o anche solo un e-commerce recandosi in Comune per l’ottenimento dalle autorizzazioni ovvero della licenza rec oggi detta licenza sab richieste scoprirà ben presto che è richiesto di dimostrare il possesso di:

  • requisiti morali
  • requisiti professionali

 

Il corso SAB permette di ottenere i requisiti professionali che permettono al bar, ristorante o all’e-commerce la Somministrazione di Alimenti e Bevande ed anche ovviamente il commercio.

Ma vediamo prima  in dettaglio si settore food e perché può essere una buona aprire una nuova attività nel settore e perché è necessaria questa formazione. Il settore alimentare e delle bevande è nato da origini semplici: quando le persone viaggiavano dalle loro case, svolgendo i loro affari, spesso avevano il bisogno o il desiderio di mangiare o bere. Altri sono stati incoraggiati a soddisfare questa domanda fornendo cibo e bevande. Man mano che gli interessi del pubblico sono diventati più diversificati, anche l’offerta del settore alimentare e delle bevande è diventata più diversificata.

Per ogni domanda siamo sempre a tua disposizione con il nostro servizio di consulenza per le professioni regolamentate che trovi a questa pagina.

 

Che cos’è un’attività di ristorazione?

 

È facile per tutti noi rispondere alla domanda. Molte persone possono inventare diverse definizioni brevi. Richiamiamo qualche definizione accademica e rinfreschiamo le nostre conoscenze.

I servizi di catering possono essere gestiti in modo indipendente così come all’interno di ciascuna delle sotto-industrie del settore dell’ospitalità. In questo contesto, l’industria alimentare e delle bevande influenza ed è influenzata da queste industrie. Pertanto, è importante che i manager del settore alimentare e delle bevande siano a conoscenza sia di questo problema sia dell’interrelazione tra i sottoramo di attività all’interno del settore dell’ospitalità.

Imprese nel settore dell’ospitalità: possono essere elencate come attività di alloggio, cibo e bevande, trasporti e intrattenimento. Anche le imprese di alimenti e bevande, che sono una parte importante del settore dell’ospitalità, sono una delle attività commerciali.

Aziende alimentari e delle bevande: sono imprese economiche, sociali e disciplinate che accettano di soddisfare i bisogni nutrizionali delle persone come professione con materiale, struttura, attrezzatura tecnica, stato assistenziale, qualità del servizio del personale, comfort e valore sociale.

L’industria alimentare e delle bevande è costituita da imprese che producono beni e servizi al fine di soddisfare le esigenze di mangiare e bere delle persone nei loro viaggi o soggiorni temporanei fuori dal proprio luogo di residenza per diversi motivi. Le imprese del settore alimentare e delle bevande sono imprese economiche, sociali e disciplinate che soddisfano i bisogni nutrizionali delle persone con elementi qualitativi come la struttura dei materiali, le attrezzature tecniche, il comfort e il valore sociale, lo stato di cura e la qualità del servizio del personale. Le attività di ristorazione sono attività di servizi commerciali che soddisfano le esigenze di mangiare e bere dei clienti a un certo prezzo.

 

 

Gli effetti delle imprese di alimenti e bevande sulla vita sociale

 

Gli esercizi di ristorazione dovrebbero essere utilizzati come centro sociale per tutti i tipi di riunioni, cerimonie, banchetti e attività simili quando il luogo e l’ora arrivano. Pertanto, queste strutture dovrebbero essere uno strumento per aiutare a riunire le persone per uno scopo comune, per unirle, non solo come luogo in cui si placano la fame o la sete, ma anche come fonte di morale in cui si ottiene la rigenerazione spirituale.

Le persone viaggiano da migliaia di anni e soddisfano i loro bisogni primari di alloggio e cibo. Per questo anche la storia delle attività di ristorazione, come quella ricettiva, è molto antica. L’industria alimentare e delle bevande ha preso piede parallelamente agli sviluppi nel settore alimentare e delle bevande. È noto che antiche civiltà come Ittiti, Sumeri, Romani, Egizi ed Elena gettarono le basi dell’industria in questione. XIII. Con l’emergere di locande a ovest e caravanserragli a est, si sono formati anche esercizi di ristorazione. La differenza principale è che le locande sono imprese commerciali a scopo di lucro, mentre i caravanserragli operano come ente di beneficenza.

Si pensa che il primo ristorante conosciuto nella storia sia stato aperto da Boulanger nel 1765. Una persona di nome Boulanger aprì un negozio per vendere la sua zuppa a base di brodo di ossa curativo, chiamò le sue zuppe il “Ristoratore” riparatore e cercò di attirare l’attenzione della gente con scrivendo questa parola sulla sua porta, che è il punto di partenza della parola ristorante. I ristoranti, inizialmente conosciuti come luoghi in cui si preparavano pasti curativi, hanno iniziato a trasformarsi giorno dopo giorno e si sono trasformati in luoghi lussuosi in cui vengono utilizzati i menu.

Si sa che il primo ristorante moderno vicino a oggi sia stato il “Grand Taverne de Londres” aperto a Parigi da Beauvilliers nel 1782. La novità di questo ristorante è elencare i pasti in un menu, avere tavoli e sedie eleganti e servire loro ai singoli tavoli in determinati orari. I ristoranti, inizialmente reagiti dalle corporazioni, furono accettati con la Rivoluzione francese nel 1789 e il loro numero iniziò ad aumentare. In tempi successivi, i ristoranti continuarono ad aprire a Parigi e nel 1804 il numero di ristoranti superò i 500.

Quando osserviamo lo sviluppo dell’attività di ristorazione nel XIX e XX secolo, si vede che la Francia era in posizione di leadership. Questa situazione può essere spiegata dalla storia radicata della cucina francese, dall’importanza data alla cucina dalla Francia, dai primi esempi di ristoranti visti in Francia e dal fatto che gli chef che hanno scritto il loro nome nella storia. Allo stesso tempo, la prima educazione culinaria conosciuta nella storia iniziò con la comunità Chaine Des Rottisseurs in Francia nel 1248. Re di Francia IX. Fondata nel periodo di Louis, Chaine Des Rotisseurs impartì una formazione culinaria nella cucina del palazzo per una strutturazione professionale.

 

Fattori che influenzano lo sviluppo dell’industria alimentare e delle bevande

 

Il mangiare fuori è aumentato negli ultimi anni e questa domanda ha portato a un aumento delle attività di ristorazione e allo sviluppo dell’industria alimentare.

I fattori che influenzano il rapido sviluppo di questo settore sono i seguenti:

 

  • Aumentare il tempo libero
  • Donne che entrano nel mondo del lavoro
  • Aumento del reddito
  • Cambiamenti nello stile di vita
  • Aumento del numero di imprese
  • Sviluppo di menu
  • Aumento del numero di persone che viaggiano
  • Differenziazione delle caratteristiche demografiche dei consumatori

 

 

Evoluzione della ristorazione e food competenze da padroneggiare

 

La ristorazione ed il settore food è in continua evoluzione solo per le conoscenze del marketing richieste si troverà ad affrontare:

  • Sa strategie che si concentrano su ciò che è meglio per i loro ospiti.
  • Parla di servizio regolarmente.
  • Implementa sistemi di servizio a misura di ospite per un migliore marketing di alimenti e bevande.
  • Esemplifica tutti gli aspetti di eccellenti relazioni con gli ospiti mentre parlano personalmente e interagiscono con gli ospiti.
  • Equilibrio high-tech con high-touch; cioè, temperano sistemi e metodi con il fattore personale.
  • Servizio di mercato ai propri ospiti.
  • Enfatizzare il servizio nei programmi di formazione dei dipendenti e premiare i membri del personale che forniscono costantemente un servizio esemplare agli ospiti.
  • Misura il servizio e rendi i risultati disponibili ai dipendenti e al team di marketing di alimenti e bevande.

 

I gestori dei servizi di ristorazione dovrebbero essere in grado di rispondere efficacemente alle seguenti domande:

 

  • Quanto è importante il servizio nella mia organizzazione in termini di marketing di alimenti e bevande?
  • Come posso enfatizzare il servizio durante il reclutamento e la selezione dei dipendenti e durante le sessioni di orientamento e formazione dei dipendenti?
  • Come faccio a informare/mostrare al mio personale i problemi relativi al servizio?
  • Come valuto i livelli di servizio?
  • Quali sono le mie strategie di servizio?
  • Quali sono le mie procedure di servizio?
  • Come posso formare il mio personale su questioni relative al servizio?
  • Come posso rafforzare le strategie di servizio?
  • Il servizio è un programma o una filosofia nella mia struttura?
  • Il mio staff è a conoscenza dei momenti di verità, delle opportunità che un ospite ha per farsi un’idea sulla proprietà? Tutti i possibili momenti di verità sono favorevoli?
  • Sottolineo sempre il servizio o solo dopo che è sorto un problema relativo al servizio?

 

Ma vi sono tanti altri argomenti quali la tracciabilità, sicurezza sul lavoro, haccp ed igiene, i regolamenti comunali, la normativa fiscale etc. Quindi non basta “solo” saper cucinare o saper fare un caffè ma in qualità di titolare occorre sapere molte cose sia per garantire all’azienda di sopravvivere ma anche per tutelare la salute degli avventori.

Per questo è nato l’obbligo di legge dei corsi SAB o di possedere titoli di studio equivalenti.

 

 

Commercio e senza somministrazione occorre fare il corso sab?

 

Rispondiamo qui a questa ed ad altre domande. Per la sola commercializzazione, inclusi gli ecommerce, come funziona?

Spesso erroneamente chiunque voglia solo vendere alimenti e bevande potrebbe pensare di essere esonerato dal dover frequentare il corso SAB. Non è così poiché il corso è stato unificato, prima era solo previsto un corso per la somministrazione (ad esempio chi apre la lattina e la versa nel bicchiere del cliente) e chi vende (commercializza la lattina chiusa). Dunque anche se si volesse aprire un e-commerce di prodotti tipici occorre fare il corso SAB per ottenere dal Comune la licenza al commercio elettronico.

Tale corso Sab spesso viene anche detto corso REC. Il corso REC si chiama così poiché in passato le nuove ditte dovevano iscriversi al Registro REC (Registro Esercenti Commercio) presente nella propria Camera di Commercio.  Con le nuove regole la domanda per aprire la propria attività va invece portata in Comune.

 

 

Voglio aprire un e-commerce di prodotti tipici ad esempio formaggi e vini devo fare il corso SAB?

Sì certo anche per il commercio elettronico è richiesto il corso SAB come tutte le attività quali: ristorante, pizzeria, market, alimentare, fruttivendolo, fast-food, paninoteca, ambulante, negozio ambulante.

 

Quindi riepiloghiamo il corso sab ex rec online o in aula o un titolo equivalente occorre per aprire:

  • Bar, caffetteria, panetteria, negozio di frutta e Verdura, macelleria, pescheria, tavola calda, vineria, enoteca;
  • B&B se con servizio colazione, vendita di integratori alimentari, commercio elettronico, vendita alimenti per animali, pub, birreria, griglieria, spaghetteria, furgoncino ambulante, paninoteca ambulante;
  • chiosco, distributori automatici, trattoria, osteria, salumeria;
  • vendita alcolici, vendita superalcolici.

 

 

Sono artigiano produrrò direttamente ad esempio la pizza lo devo fare il corso SAB?

 

La risposta è NI. E’ vero che tutte le attività artigianali che producono e vendono esclusivamente i propri prodotti non devono fare il corso SAB ma solo la parte HACCP.

Ma è rarissimo che queste attività non rivendono alimenti prodotti ed acquistati da altre aziende (es. acqua minerale in bottiglia, bevande in genere o altri alimenti).

Quindi a titolo d’esempio non occorre il titolo di studio SAB se produci e vendi esclusivamente i tuoi prodotti ad esempio:

 

  • caseificio
  • birrificio
  • panificio,
  • gastronomia,
  • gelateria,
  • pasta fresca,
  • focacceria
  • pizza al taglio,
  • yogurteria,
  • friggitoria,
  • creperia,
  • kebabberia,
  • kebab,
  • piadineria.

 

 

Corso SAB e attestato HACCP differenze

 

Il corso SAB non va confuso con l’attestato HACCP che si ottiene frequentando uno specifico corso detto corso HACCP soggetto a scadenza e rinnovo, mentre il corso SAB va fatto solo una volta e non ha scadenza. Per fare un esempio pratico il titolare o un socio frequenta il corso SAB mentre tutti i dipendenti/collaboratori anche occasionali devono avere l’attestato HACCP in corso di validità.

L’unica cosa che manca alla tua attività a questo punto è il Manuale HACCP un documento obbligatorio presente in azienda che raccoglie tutte le procedure della corretta gestione dell’alimento e bevanda che avviene nel tuo negozio. Il Manuale HACCP deve essere costantemente aggiornato dal Responsabile HACCP. Il Responsabile HACCP può essere anche un dipendente che non ha frequentato il corso SAB.

Quindi rec haccp sono due cose diverse.

 

Corso SAB riconosciuti, durata e Regioni

 

I corsi SAB sono organizzati in tutte le Regioni italiane, sono di diversa durata e modalità di frequenza, a seconda della Regione. Gli aspiranti titolari o soci di attività di Somministrazione di Alimenti e Bevande possono frequentare il corso SAB nella Regione o Città che preferiscono con l’attestato ottenuto potranno poi aprire in tutte le città italiane.

Spesso sui siti delle Camere di Commercio sono presenti una lista di operatori accreditati e riconosciuti, se si legge bene si scopre che sono solo e sempre centri di formazione ed operatori dello stesso territorio della Camera di Commercio.

 

Dunque ci si potrebbe chiedere i centri e corsi autorizzati sono solo quelli presenti sulla lista della mia Camera di Commercio/Comune?

No, il perchè è presto spiegato i centri in Italia sono tantissimi e le Camere di Commercio rivolgendosi ad un territorio geografico ben individuato elencano solo i centri nel proprio territorio. Dunque la Camera di Commercio di Firenze indicherà solo i centri di Firenze, quella di Milano quelli di Milano e così via. Ma ricordiamo che lo studente può sostenere il corso Sab in una qualsiasi città o Regione a sua scelta.

 

 

Corsi di formazione necessari e facoltativi per le attività di Somministrazione e Commercio di Alimenti e Bevande

 

Riepiloghiamo i principali corsi e manuali:

 

  • Corso Sab ex REC Somministrazione e Commercio alimenti e bevande
  • Corso HACCP
  • Manuale HACCP
  • Corsi per il settore Alimentare e Agricoltura
  • Corsi sicurezza sul lavoro se vi sono dipendenti e/o collaboratori
  • DVR

 

Corso SAB chi non deve farlo

 

Esistono dei titoli di studio e delle esperienze lavorative che sono sostitutive del corso SAB, quindi se hai uno di questi titoli puoi aprire direttamente la tua attività:

  • ha un diploma di scuola alberghiera (in alcune regioni basta il triennio, in altre vogliono 5 anni)
  • è maturato una esperienza lavorativa di almeno 2 anni di lavoro negli ultimi 5 nel settore somministrazione, con una qualifica che in molte regioni è richiesta essere almeno del 5 livello.
  • laurea in materie economiche o scientifiche con esami e materie gli alimenti (medicina, farmacia, infermieristica, chimica etc)

 

 

Corsi per somministrazione alimenti e bevande

 

Esistono corsi SAB ex REC accreditati e validi in tutta Italia che siano online?

Sì certo purché sia accreditato ed valido ai sensi del D.Lgs 59/2010 la legge che ha previsto i requisiti per chi intende aprire l’attività Somministrazione e Commercio di Alimenti e Bevande in uno qualsiasi Comune italiano.

Per ogni domanda siamo sempre a tua disposizione per verificare se i requisiti da te posseduti sono già idonei con il nostro servizio di consulenza per le professioni regolamentate che trovi a questa pagina.

Rosalba Fiore

E’ un’imprenditrice digitale, formatrice e consulente. Da oltre 10 anni all’albo dei periti ed esperti presso Camera di Commercio e consulente tecnico d’ufficio (CTU) del Tribunale di Potenza (accrediti li trovi qui), spesso ospite presso conferenze di settore in Italia e all’estero (vedi qui). Laureata in Matematica, ha conseguito numerose certificazioni internazionali ed ha completato la sua formazione nel 2018 con studi in economia e marketing alla prestigiosa Università americana Harvard Business School Online ed attualmente è impegnata nel conseguimento di una seconda laurea.

Ha un’esperienza ventennale, maturata come consulente e formatrice presso grandi multinazionali ad esempio Alitalia, Poste Italiane, Autostrade per l’Italia, ISUFI Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare (Scuola Normale) etc. Rivedi la sua intervista che spiega i benefici che i clienti ottengono rilasciata a Millionaire.it >>

Se vuoi che io ed il mio team ci occupiamo del tuo orientamento per uno dei nostri corsi, fai clic qui.

Leggi Altri Articoli in Categoria

– 20% codice  ESTA22