La programmazione a oggetti storia e curiosità

La programmazione a oggetti e la memorizzazione dei dati

Questa metodologia detta anche programmazione modulare sfrutta specifiche conoscenze che risalgono agli albori dell’informatica, quando il codice includeva in un unico listato calcoli, dichiarazioni di variabili, cicli booleani, cicli iterativi e subroutines e non si sfruttava ancora la potenza oggi offerta  dalla programmazione a oggetti.

Comprendere come ciò possa avvenire è molto semplice e deve essere tenuta in considerazione l’evoluzione dei sistemi per memorizzare i dati che è avvenuta nel corso degli anni, dalla vecchia cassetta con il nastro fino al Cloud.

La memorizzazione dei dati è fondamentale per il funzionamento dei software; se tempo addietro ogni volta che si resettava era necessario attendere di caricare i dati da una cassetta impiegando tempi molto lunghi, a volte anche mezz’ora per un software sulla dieta, al giorno d’oggi il Cloud elimina tutti i sistemi di data storage consentendo un approccio informatico completamente differente.

Senza le moderne tecniche di registrazione ogni blocco di codice rimarrebbe fine a se stesso.

 

programmazione a oggetti

Cos’è

La programmazione a oggetti come dice il nome stesso, utilizza blocchi di codice che si occupano di ogni specifica sezione, che può essere un insieme di calcoli, un’istanza di stampa o una serie di caratteristiche grafiche, che hanno un funzionamento che può essere riutilizzato in molti software differenti; si tratta in pratica delle vecchie subroutines.

Il vantaggio risiede nel fatto che una volta le subroutines non potevano scindersi dal programma madre e dovevano essere ricaricate come il software stesso e i dati progressivi; attualmente, la tecnologia Cloud consente la registrazione di blocchi di codice sulla rete rendendoli disponibili in qualsiasi momento in tempi brevissimi.

Alcuni software dedicati alla programmazione come Visual C e Visual Basic, utilizzano la programmazione modulare; in pratica ogni modulo è un oggetto e esistono moduli interi dedicati alla grafica e alla definizione delle variabili. In tal modo si rende possibile strutturare un software come un insieme di piccoli programmi che si occupano di una funzione specifica, rendendolo più snello e consentendo il loro riutilizzo in altri software con scopi completamente diversi.

 

Imparare la programmazione a oggetti

Sul nostro sito fiorerosalba.com puoi accedere ai migliori corsi d’informatica usufruendo di particolari sconti; in tal modo sarà molto semplice imparare questa importante materia per i propri obiettivi prefissati, approfittando di una spesa più contenuta e di un’assistenza personalizzata.

Contattaci

Vuoi informazioni corsi programmazione oppure sui  corsi di formazione , diploma online  , alta formazione per diplomati , laurea online , master o altri corsi online chiama gratuitamente 800 25 70 40 o visita la pagina contatti

Compila il modulo riceverai gratuitamente informazioni ed un coupon sconto di 10 €

I campi con* sono obbligatori

Informativa  Privacy sul trattamento dei dati applicate da FioreRosalba.com

11/08/2018
FioreRosalba.com ©2006-2018