Laurea in Giurisprudenza: perché studiare diritto all’Università

Il corso di laurea in Giurisprudenza dell’Università Giustino Fortunato consente agli studenti di acquisire tutte le competenze necessarie nell’ambito del diritto. I laureati possono accedere a diversi sbocchi professionali, con la prospettiva di diventare impiegati, magistrati, avvocati civili o penali e tanto altro. Tra tutti gli ambiti del sapere che vengono insegnati a livello accademico, è lecito chiedersi perché si studi giurisprudenza piuttosto che, ad esempio, medicina, chimica o filosofia. La vita nella società non è possibile senza un minimo di regole stabili e un’autorità autorizzata a imporre la conformità, che traduce il “senza diritti, nessuna società”.

Che tu sia un futuro studente o meno, quando si pone la questione di una scelta di istruzione superiore che sia in linea con le tue aspettative e i tuoi progetti, la risposta non è sempre facile. Paura di sbagliare o di deludere, conflitto tra cuore e ragione, le ragioni del dubitare differiscono secondo profili e aspettative.

Genitore ansioso o semplice studente in difficoltà, se studiare giurisprudenza è un’opzione che ti interessa, questo articolo rimuoverà alcune tue incertezze e ti permetterà di vedere più chiaramente nell’immensità delle scelte a tua disposizione.

 

 

Cosa si intende per diritto

 

Una parola, ma una pluralità di significati e suddivisioni. Soprattutto, quando “fai legge”, studiamo e mettiamo in discussione tutte le regole che governano la vita nella società, analizzandone i meccanismi.

Ciò che costituisce in gran parte il pluralismo degli studi giuridici è la scala, maggiore o minore, dalla quale queste regole vengono studiate. La pratica del diritto riguarda tanto la risoluzione di casi pratici, come nel contesto del divorzio o dei conflitti di giurisdizione, quanto lo studio del funzionamento dei vari regimi europei e internazionali.

È attraverso le sue molteplici sovrapposizioni che il diritto si trova all’incrocio di più materie: storia, sociologia, economia, e talvolta anche filosofia!

Niente panico, quindi, se vi vedete già passare tutti i vostri anni di diritto a dover passare per il codice civile, e tranquillizzatevi se pensate di trattare una materia troppo astratta, o restrittiva.

Diversificando le materie di studio e combinando problemi pratici e approcci teorici, gli studi di giurisprudenza sembrano adatti sia per lo studente interessato a comprendere e padroneggiare il mondo che lo circonda, sia per coloro che desiderano acquisire conoscenze varie e precise.

 

 

Diritto, un modo per vedere e comprendere meglio la società

Praticare il diritto è soprattutto avere un certo desiderio di comprendere questo mondo, e di domarlo in un modo particolare. Pertanto, scegliere di esercitare la professione legale significa assicurarsi di poter comprendere e agire sul proprio ambiente.

La legge è uno dei fondamenti di ogni società. Studiarlo, anche per pochi anni, sembra essenziale per il suo sviluppo personale e sviluppare così il suo spirito critico.

Tuttavia, la legge è solo un modo particolare di apprendere la società, e ogni studio consentirà di farlo in modo diverso.

Così, ad esempio, il diritto non è sociologia, anche se a volte può avvicinarsi ad esso. Laddove si partirà dalle regole fondamentali per cercare di illuminare la società, la sociologia si concentrerà più specificamente sulle cause.

Non bisogna quindi dimenticare la particolarità di questi studi e l’aspetto molto sistemico del diritto: ogni esercizio è molto codificato con regole e meccanismi propri che vanno integrati.

 

 

Il diritto, strumento innegabile e accessibile per essere attori nel mondo contemporaneo

 

Se solo una cosa dovrebbe convincerti a scegliere gli studi di giurisprudenza, è la sua facilità di accesso dato il reale potere pratico che conferisce. Offerti da molte università in tutta Italia, gli studi di giurisprudenza sono un’opportunità per qualsiasi studente di accedere semplicemente a studi impegnativi e illuminanti sul mondo.

Questa particolare apprensione e comprensione del mondo non può che essere benefica. Già, come studente di giurisprudenza, ti sentirai ancora più padrone della tua vita quotidiana, perché conoscerai i tuoi diritti.

La conoscenza è potere e lo studio della legge ne è un perfetto esempio. La legge, fornendo i mezzi per decifrare le regole che scandiscono la nostra vita, permette poi di agire di conseguenza.

Conoscere questi diritti significa poter agire e non rimanere passivi di fronte a una situazione imprevista. Inoltre, soprattutto attraverso la storia del diritto che studierai nel primo anno, potrai meglio renderti conto dell’incostanza di alcuni diritti che credevi acquisiti o coglierne il contenuto.

Ad esempio, studiare la storia della Repubblica o anche il diritto comparato sono tutti modi per aumentare la consapevolezza su questioni come la democrazia, il voto o il referendum.

In seguito, questi studi saranno sempre utili per aiutare chi non ha necessariamente questa precisa conoscenza che hai acquisito!

Quindi non importa se il tuo obiettivo non è quello di intraprendere una carriera legale: esercitare la professione legale sarà sempre un modo per imparare e sapersi difendere in ogni circostanza!

Questa apprensione del mondo richiede e genera qualità proprie dei giuristi. Queste qualità possono essere numerose e richiedere tempo per svilupparsi. Non preoccuparti se queste abilità non sono quelle che trovi: lavorando, molti studenti si vedono progredire o scoprono abilità e strutture che non sospettavano. La cosa principale è sapere cosa aspettarsi, mettere le probabilità dalla tua parte dando a te stesso i mezzi per avere successo, e questo, qualunque sia il tipo di studi seguito.

 

 

4 Qualità principali indotte dagli studi legali

 

Certo, lo scopo non è di limitare queste qualità al solo campo del diritto poiché potrebbero essere presenti in altri studi, ma questo elenco non esaustivo può solo essere utile per considerare il modo particolare in cui il diritto mette a frutto queste qualità:

 

Spirito di sintesi: questa qualità può sorprendere e confortare alcuni di voi. In effetti, gli studi di diritto, reputati più letterari, non sono sinonimo di astrazione.

Casi pratici, fogli stop, commenti testuali sono tutti esercizi che richiedono di raccogliere le informazioni essenziali da un testo, per poi riutilizzarle saggiamente ordinando coscienziosamente le tue conoscenze.

Le dissertazioni giuridiche invece sono certamente numerose, ma devono far emergere l’essenziale: in diritto costituzionale gli scritti raramente superano le 4 pagine e le copie possono e saranno preferibilmente ottime se riescono a dirsi in modo rapido e chiaro. Se trovi difficile esprimere semplicemente le tue idee, studiare legge sarà un buon rimedio. Tuttavia, questa qualità non vuole essere restrittiva. Riuscire a esprimere in modo conciso le proprie idee non è in alcun modo un ostacolo al contributo personale, anche se la legge resta una disciplina molto codificata.

Quindi, la cultura generale, come le letture personali o l’attualità, usata con saggezza, sarà solo un modo per dare un valore aggiunto ai tuoi compiti. Avere questa capacità di sintesi prima di questi studi sembra essere innegabilmente un vantaggio.

Tuttavia, la trappola non è dire come cogli e dimentica la sfumatura: la complessità dell’esercizio sta proprio nel dire poco, ma nel dire basta e in profondità.

 

Rigore: Il rigore sembra sovrapporsi logicamente alle qualità necessarie per un buon spirito di sintesi. Ogni esercizio di diritto ha le sue regole e il suo metodo, è opportuno assimilarle e differenziarle, comprendendone gli obiettivi.

Così, mentre uno stop slip vuole essere più esplicativo, un caso pratico sarà più sfumato, nel senso che si tratta di risolvere un problema legale a sostegno dei fatti e utilizzando in modo intelligente e gerarchico le proprie conoscenze. Il rigore non è solo editoriale ma anche intellettuale: non è solo necessario rispettare un metodo specifico ma è necessario anche non farsi travolgere dai dettagli o dalle sfumature presenti nel corso. Dare la giusta priorità alla conoscenza ed essere precisi nel vocabolario utilizzato sono abilità che solo una mente rigorosa può sviluppare.

Versatilità: La pluralità di esercizi che saranno richiesti in Ateneo richiederà una buona capacità di adattamento e assimilazione.

Questo è il paradosso dello studio del diritto: serve una mente rigorosa e flessibile per poter gestire più facilmente i diversi esercizi che ti verranno proposti. Che si tratti di esercizi nuovi come il caso pratico, o conosciuti come dissertazione – una dissertazione di diritto costituzionale non si fa più in 3 ma in 2 parti per esempio – la flessibilità d’animo è una qualità che ogni avvocato deve possedere paradossalmente. Proprio come lo spirito di sintesi, la versatilità, se non è il tuo forte, può essere messa in atto man mano che gli esercizi sui diritti vengono padroneggiati.

 

Inventiva: questa qualità può sembrare sorprendente, ma gli studi di diritto richiedono una certa creatività, sia in termini di approccio agli esercizi che di tecniche di apprendimento. Le dissertazioni così come i casi pratici sono esercizi che richiedono una perenne spirito critico: quindi, la comprensione e l’apprensione di ogni argomento e caso che ti verrà proposto deve essere comunque personale, pur rimanendo coerente, e le produzioni di ciascuno studente può essere diverso, senza contraddirsi tra loro.

 

 

Giurisprudenza: perché studiare legge

 

Il mondo di oggi ha bisogno della legge più che mai. Gli esseri umani nascono, vivono e muoiono in un contesto giuridico sempre più complesso. I loro rapporti con altri soggetti del diritto o con lo Stato sono regolati dalla legge, così come lo sono i rapporti tra Stati. Basti pensare che ci sono molte opportunità per qualsiasi giurista formato presso la Facoltà di Giurisprudenza di esercitare le proprie conoscenze. Sia che eserciti la professione di avvocato o magistrato, all’interno di una pubblica amministrazione, di un’organizzazione internazionale o di una società privata, l’avvocato ha un’ampia scelta di professioni da esercitare – un buon motivo per studiare giurisprudenza.

Quando la parola prende la lettera maiuscola, la Legge indica l’ideale di giustizia che tende – almeno, dovrebbe tendere – a realizzare qualsiasi ordinamento giuridico. In un approccio meno utilitaristico, gli studi giuridici incoraggiano la riflessione sulla giustizia e sui meccanismi che possono portare alla realizzazione di questo ideale. Non commettere errori, tuttavia, l’avvocato non lavora – o raramente – con il binomio vero-falso. Infatti «le ragioni giuridiche sono accompagnate da incessanti controversie, e ciò sia tra i più eminenti giuristi sia tra i giudici che siedono nei tribunali più prestigiosi». Le controversie derivanti da opinioni divergenti su una questione sono al centro stesso del legge. Il motivo per cui nelle donne la laurea magistrale è uno strumento prezioso per qualsiasi titolare di una laurea in giurisprudenza.

Oltre all’acquisizione di conoscenze giuridiche, gli studi giuridici offrono l’apprendimento di un metodo di analisi e di ragionamento per trovare possibili soluzioni, un’occasione per soppesare i pro ei contro affinché una scelta sia illuminata. In questo equilibrio è essenziale la distanza critica, che evita un’applicazione cieca di regole generali e astratte che possono portare al peggio. È per tutte queste competenze che il mondo professionale apprezza gli avvocati.

Dove vediamo che il perseguimento di un ideale è perfettamente conciliabile con obiettivi più concreti (come guadagnarsi da vivere).

 

 

Perché è importante studiare giurisprudenza all’Università

 

Gli studi presso la Facoltà di Giurisprudenza presentano interessanti specificità relative al metodo didattico utilizzato e ad un’offerta didattica molto ricca.

Le conoscenze legali di base sono l’oggetto del programma di maturità. Vengono insegnati i rami fondamentali ad esempio le norme relative alle persone e alla famiglia, ai reati, alla costituzione, agli obblighi e alle cose, alle società e alla protezione sociale, all’ordine pubblico internazionale e all’Unione europea. Accanto a questi rami del cosiddetto diritto positivo (espressione che designa le regole applicabili in una comunità e in un dato momento), il programma di studi universitari prevede corsi di natura più teorica e storica, nonché l’insegnamento della filosofia del diritto, che sono mirano ad ampliare la visione delle studentesse e contribuire a sviluppare il loro essenziale spirito critico.

I programmi del offrono la possibilità di consolidare le conoscenze già acquisite e di avvicinarsi ad ambiti più specifici (divorzio, banca e finanza, arbitrato e commercio internazionale, garanzie internazionali, mercato interno dell’Unione Europea, diritti umani, diritti dell’infanzia, legale, per citare alcuni). Viene così data l’opportunità di perseguire specifici interessi (in diritto economico, in diritto internazionale ed europeo, in diritto civile e penale, o in diritto pubblico) o non tematici (in diritto).

Conoscenza delle fondamentali discipline di diritto positivo e dei relativi contesti storico-culturali; capacità di interpretazione delle norme e di analisi degli istituti giuridici di ciascuna area curricolare e conseguente capacità di impostare, in forma scritta e orale, ragionamenti per la trattazione rigorosa di questioni giuridiche, generali e specifiche, su fattispecie astratte e su casi concreti, partendo dalle fonti e sviluppando, con consapevolezza critica, tanto i profili tecnico-giuridici, quanto quelli culturali e pratici della trattazione medesima, sulla base dei fondamentali valori economico-sociali dell’ordinamento; capacità di approfondire problematiche fondamentali dell’ordinamento, nelle sue principali articolazioni ed interrelazioni, mediante i più moderni strumenti culturali, tecnici ed informatici; capacità di utilizzare fluentemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell’UE oltre a quella italiana, con particolare attenzione al linguaggio giuridico.

 

 

Laurea in Giurisprudenza Giustino Fortunato

Obiettivi del corso di laurea Giurisprudenza

 

I corsi obbligatori di Laurea in Giurisprudenza hanno l’obiettivo formativo di garantire agli studenti di apprendere ogni singolo aspetto dell’ambito del diritto. Al termine delle lezioni, i candidati devono essere in grado di conoscere le norme fondamentali di diritto positivo, analizzare gli istituti giuridici e impostare ragionamenti scritti e orali su casi concreti e astratti.

Al tempo stesso, devono essere capaci di approfondire questioni essenziali inerenti all’ordinamento civile e penale, con la prospettiva di conoscere linguaggi giuridici di almeno un’altra lingua oltre a quella italiana. Come si può ben notare, corsi obbligatori di questo tipo sono capaci di formare giuristi di alto livello, capaci di contraddistinguersi a livello nazionale ed estero.

 

 

Come si studia giurisprudenza online

 

La Laurea in Giurisprudenza può essere conseguita partecipando alle lezioni online che possono essere intrapresi in qualsiasi momento dell’anno, senza alcuna limitazione. La durata complessiva è pari a 5 anni, con una retta dal costo di 2500 euro ai quali vanno aggiunti 140 euro di tasse. Al termine dell’esame, dunque, è possibile accedere ad un settore lavorativo in continua evoluzione, con la prospettiva di raggiungere la tanto agognata soddisfazione professionale.

 

 

Che lavoro si può fare dopo la laurea in giurisprudenza?

Sbocchi e figure professionali

 

Chi sceglie di prendere parte ai corsi di Laurea in Giurisprudenza proposti dall’ateneo Giustino Fortunato deve essere in possesso di un diploma di scuola superiore che possa condurre ad un istituto universitario.

Tra gli sbocchi professionali di maggiore rilievo, vanno segnalati i mestieri di avvocati, notai, esperti legali, magistrati. Al tempo stesso, è possibile avere accesso alla professione di impiegati nei settori di attività sociale, politica e socio-economica, con la chance di operare sia nelle pubbliche amministrazioni che nelle imprese private. Ogni studente può inoltre accedere ad organizzazioni internazionali nelle quali mettere in mostra le proprie competenze di valutazione, analisi e decisione. L’obiettivo è quello di formare futuri giuristi in grado di andare anche oltre l’ambito legale.

Alcuni sbocchi professionali del laureato in giurisprudenza: oltre ad indirizzarsi alle professioni legali ed alla magistratura, potranno svolgere attività ed essere impiegati, in riferimento a funzioni caratterizzate da elevata responsabilità, nei vari campi di attività sociale, socio-economica e politica ovvero nelle istituzioni, nelle pubbliche amministrazioni, nelle imprese private, nei sindacati, nel settore del diritto dell’informatica, nel settore del diritto comparato, internazionale e comunitario (giurista europeo), oltre che nelle organizzazione internazionali in cui le capacità di analisi, di valutazione e di decisione del giurista si rivelano feconde anche al di fuori delle conoscenze contenutistiche settoriali.

 

 

Che vuol dire LMG 01?

 

E’ il nome della nuova classa di laurea in Giurisprudenza della durata di 5 anni.

 

 

Quanti anni per la laurea in giurisprudenza?

 

Trattandosi di un corso di laurea a ciclo unico la durata regolare del corso di studi è 5 anni.

 

 

Cosa si può insegnare con LMG 01?

 

Con una laurea in giurisprudenza se persistono anche altri requisiti è possibile insegnare nelle seguenti classi di concorso:

 

  • A-46 Scienze giuridico economiche (se integrata con 96 cfu nei settori SECS P, SECS S, IUS)
  • A-43 Scienze e tecnologie nautiche (se ufficiale superiore di vascello della Marina Militare)
  • A-44 Scienze e tecnologie tessili, dell’abbigliamento e della moda (se con diploma istituto tecnico settore tecnologico indirizzo sistema moda articolazione tessile, abbigliamento e moda).
  • A-33 Scienze e tecnologie aeronautiche (se ufficiale superiore pilota dell’Aeronautica militare o della Marina militare)
  • A-35 Scienze e tecnologie della calzatura e della moda (titolo di accesso in opzione)

 

 

Immatricolazioni ed iscrizioni laurea in Giurisprudenza

 

Tutte e informazioni su questo corso di laurea Giurisprudenza Laurea Online UniFortunato se desideri maggiori informazioni la pagina dei contatti Contatti Telefono ed Indirizzi Uffici FioreRosalba.com

Rosalba Fiore

E’ un’imprenditrice digitale, formatrice e consulente. Da oltre 10 anni all’albo dei periti ed esperti presso Camera di Commercio e consulente tecnico d’ufficio (CTU) del Tribunale di Potenza (accrediti li trovi qui), spesso ospite presso conferenze di settore in Italia e all’estero (vedi qui). Laureata in Matematica, ha conseguito numerose certificazioni internazionali ed ha completato la sua formazione nel 2018 con studi in economia e marketing alla prestigiosa Università americana Harvard Business School Online ed attualmente è impegnata nel conseguimento di una seconda laurea.

Ha un’esperienza ventennale, maturata come consulente e formatrice presso grandi multinazionali ad esempio Alitalia, Poste Italiane, Autostrade per l’Italia, ISUFI Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare (Scuola Normale) etc. Rivedi la sua intervista che spiega i benefici che i clienti ottengono rilasciata a Millionaire.it >>

Se vuoi che io ed il mio team ci occupiamo del tuo orientamento per uno dei nostri corsi, fai clic qui.

Leggi Altri Articoli in Categoria