Corsi di formazione LOGO FIORE ROSALBA 2024

FIOREROSALBA

filtri solari cosmetologia fiorerosalba

Tutto quello che devi sapere sui filtri solari UV nei cosmetici

Ti sei mai chiesto come funzionano i filtri solari nei cosmetici? Sono cruciali per proteggere la pelle dai danni dei raggi UV. In questo articolo, scoprirai tutto ciò che c’è da sapere sui filtri solari nei cosmetici.

Faremo un viaggio attraverso la loro composizione e le normative che li regolano. Ti parleremo anche delle migliori pratiche per proteggerti in modo efficace e sicuro.

La luce solare è essenziale per la vita, ma troppi raggi UV possono danneggiare la pelle. Proteggersi bene è importante. I prodotti solari sono considerati cosmetici in Europa. Qui sono regolati come tali. Negli Stati Uniti, invece, sono come farmaci da banco.

Recenti studi mostrano che i filtri UV sono sempre più usati nei cosmetici. Hanno più del 15% di utilizzo in un anno. E il 70% delle persone ricerca la protezione UV quando compra creme o cosmetici.

Per ottenere la protezione promessa, dovresti usare una certa quantità di prodotto. Di solito servono 16g di crema per ogni applicazione. Anche il tuo tipo di pelle è fondamentale per scegliere la giusta protezione UV.

 

Punti chiave

  • I filtri solari nei cosmetici sono importanti per difendere la pelle dai raggi UV.
  • In Europa, i prodotti solari sono normati come cosmetici, negli USA come farmaci.
  • Usare i filtri UV nei cosmetici sta diventando sempre più comune.
  • Per proteggerti bene, usa la giusta quantità di prodotto.
  • La tua pelle, e quindi il tuo fototipo, è cruciale per la scelta della protezione giusta.

 

I raggi solari e la pelle: conoscere per proteggersi

Quando stai al sole, la tua pelle assorbe diverse radiazioni. Alcune di queste possono fare male se ti proteggi male. Le radiazioni ultraviolette (UV) sono le più pericolose e si dividono in UVA, UVB, e UVC. È importante sapere cosa sono per scegliere la giusta protezione. Così eviterai l’invecchiamento della pelle, le scottature, e i tumori.

UVA: i raggi dell’invecchiamento cutaneo

I raggi UVA costituiscono la maggior parte delle radiazioni UV che arrivano qui. Entrano profondamente nella pelle e ne anticipano l’invecchiamento.

Possono cambiare elastina e collagene, proteine per la pelle. E causano radicali liberi, che rovinano le cellule pelle e accelerano l’invecchiamento.

UVB: i raggi delle scottature e dell’abbronzatura

UVA a parte, gli UVB bruciano più in superficie. Sono responsabili delle scottature e dell’abbronzatura. Ma troppo sole può portare a eritemi, arrossamenti, e ustioni.

Sono pericolosi per gli occhi e possiamo sviluppare cataratta da loro.

UVC: i raggi più pericolosi, bloccati dall’ozono

UVC sono molto nocivi, ma l’ozono ce li blocca. L’inquinamento che sottile lo strato di ozono fa filtrare più UVC. Questo fa male alla nostra pelle.

Circa 5 scottature in vita aumentano l’80% il rischio di melanoma. Così proteggersi sin da piccoli con creme e comportamenti sicuri è vitale.

Fattore di protezione solare (SPF) Percentuale di raggi UVB filtrati
SPF15 93%
SPF30 97%
SPF50 98%
SPF50+ 99%

Scegliere un buon SPF è la base della protezione solare. Mettine abbastanza, 30 min prima del sole, e spesso rifaccilo. Così, rimarrai sicuro sotto il sole proteggendo pelle e salute.

creme solari cosmetologia fiorerosalba
creme solari cosmetologia fiorerosalba

 

Cosa sono i prodotti solari e come sono regolamentati

I prodotti solari proteggono la pelle dai danni dei raggi UV. Sono cosmetici che bloccano, disperdono o riflettono i raggi UV. Questo aiuta a evitare scottature, invecchiamento precoce e tumori della pelle.

 

La definizione di prodotto solare secondo la legge

La Commissione Europea li definisce come preparati che vanno sulla pelle. Lo fanno per proteggere la pelle dai raggi UV. Questa definizione evidenzia l’importanza di questi prodotti per la nostra sicurezza.

I solari in Italia e in Europa: considerati cosmetici

In Europa e Italia, i solari rientrano nella categoria di cosmetici. Sono regolati dal Regolamento (CE) 1223/2009 sui cosmetici. Questo regolamento assicura che siano sicuri ed efficaci. Inoltre, controlla che i filtri UV siano di qualità apprezzata.

I solari in America: considerati farmaci da banco

Negli Stati Uniti, i solari sono farmaci da banco e soggetti alla FDA. La FDA impone esami più rigidi per l’approvazione dei prodotti. Tuttavia, introduce nuovi filtri meno velocemente dell’Europa. Questo ha portato al fatto che negli USA si ha una confusione sulla SPF (Fattore di Protezione Solare). In Europa, il massimo è 50+.

Regione Classificazione dei solari Regolamentazione
Unione Europea Cosmetici Regolamento (CE) 1223/2009
Stati Uniti Farmaci da banco (OTC) Food and Drug Administration (FDA)

Le regole sui solari variano ne Completiionei paesi. Nell’UE, sono cosmetici, mentre negli USA sono considerati farmaci. Ma entrambi i sistemi normativi cercano di assicurare prodotti sicuri ed efficaci per la protezione contro i UV.

 

L’SPF e il significato dei livelli di protezione

L’SPF è cruciale quando si tratta di proteggersi dal sole. Sta per Sun Protection Factor, cioè il fattore di protezione solare. Misura la capacità di un prodotto per bloccare i raggi UV.

Ti protegge dagli UVB, che causano scottature e abbronzatura. Più alto è l’SPF, più a lungo puoi stare al sole senza bruciarti.

 

Come viene calcolato l’SPF

Calcoliamo l’SPF basandoci su quanta luce UVB un prodotto filtra. Un solare SPF15, per esempio, blocca il 93% dei raggi. Mentre un SPF30 protegge al 97% e uno SPF50 al 98%.

I livelli di protezione solare

L’UE ha detto che non c’è protezione totale dal sole. Quindi i solari vengono messi in categorie, come:

  • Protezione bassa (SPF6 e SPF10)
  • Protezione media (SPF15, SPF20, SPF25)
  • Protezione alta (SPF30, SPF50)
  • Protezione molto alta (SPF50+)

Scegliere la protezione giusta è essenziale per difendersi dai danni solari. Pensa anche alla protezione dai raggi UVA. Questi danneggiano la tua pelle più di quanto tu possa pensare.

SPF Percentuale di filtrazione UVB Livello di protezione
6-10 Circa 90% Protezione bassa
15-25 93-96% Protezione media
30-50 97-98% Protezione alta
50+ 99% Protezione molto alta

Capire l’SPF e gli strati di protezione è il primo passo. Aiuta a scegliere il solare giusto per te. E non dimenticare di riapplicare il solare spesso per restare protetto.

L’SPF non è l’unica sfida. Proteggiti anche dai raggi UVA. Fanno invecchiare la pelle prima del tempo e possono causare altri problemi di salute.

 

Cosa deve contenere l’etichetta di un prodotto solare

Quando decidi quale solare comprare, leggi l’etichetta. È la tua mappa per capire se ti proteggerà bene dai raggi UV. Trovi l’SPF da 6 a 50+ che segnala quanto sarai al sicuro dai raggi UVB. Poi c’è il bollino UVA, che ti assicura una protezione almeno un terzo di quella contro i UVB.

In più, l’etichetta dà consigli importanti su come usare il solare al meglio. Ti spiega come metterlo, come riapplicarlo dopo il bagno o se suderai molto, e quanto spesso dovresti metterlo. Raccomanda anche l’uso di cappelli e occhiali per una difesa totale. È essenziale non esporre i bambini al sole diretto e evitare di stare esposti troppo a lungo, anche da adulti.

Segui i consigli dell’etichetta per la massima sicurezza contro i raggi UV. Anche se un solare è waterproof, riusa di metterlo dopo il bagno o se ti asciughi con un asciugamano. Le etichette dei solari rispettano le leggi e includono informazioni necessarie dalla legge insieme a suggerimenti per l’uso corretto.

Non è possibile avere una difesa totale contro i raggi UV. Alcuni filtri solari possono perdere la loro efficacia con il tempo. Quindi, riapplicare spesso è importante.

La sperimentazione animale è vietata per i cosmetici e i loro ingredienti nell’Unione Europea dal 2009. Dal 2013, i cosmetici testati su animali non possono essere venduti. Ma i produttori possono dire di non aver testato sugli animali, se sia loro che i fornitori non l’hanno fatto.

Per una protezione sicura contro il sole, fai attenzione all’etichetta. Controlla che ci sia l’SPF e il bollino UVA. Segui poi i consigli di come usarlo. Così, potrai goderti il sole senza preoccupazioni, tenendo la tua pelle al sicuro dai danni dei raggi UV.

 

Filtri solari uv nei cosmetici: fisici e chimici a confronto

Ci sono filtri solari fisici e chimici nei cosmetici. Entrambi proteggono dai raggi UVA e UVB. Pero, lo fanno in modi diversi e cambiano sulla pelle.

Filtri fisici: uno scudo naturale per la tua pelle

Filtri come biossido di titanio e ossido di zinco creano uno scudo. Questo schermo riflesse e diffonde i raggi dei soli. Sono considerati sicuri, stabili e amici dell’ambiente. Prodotti come onSUN offrono una protezione che è buona anche per i bambini.

Filtri chimici: un’azione mirata contro i raggi UV

Altri filtri, come la benzofenone e l’octinoxate, assorbono i raggi UV. Li trasformano in calore per proteggere le cellule della pelle. Ma alcuni studi dicono che potrebbero influenzare gli ormoni. In Europa, c’è un regolamento per usare questi filtri in modo sicuro.

L’impatto ambientale dei filtri solari: una scelta consapevole

I filtri chimici possono danneggiare il mare. Colpiscono pesci, molluschi e coralli. Causano problemi genetici e nello sviluppo dei cuccioli. Usare filtri fisici e confezioni eco-sostenibili, come onSUN, aiuta a proteggere sia la pelle che l’ambiente.

 

Elenco dei migliori corsi consigliati:

 

 

FAQ

Cos’è un prodotto solare e a cosa serve?

Un prodotto solare è un cosmetico che protegge la pelle dai raggi UV. Lo fa assorbendoli, disperdendoli o rifrangendoli. Aiuta a evitare scottature, invecchiamento precoce e danni solari sulla pelle.

Qual è la differenza tra raggi UVA, UVB e UVC?

I raggi UVA entrano profondamente nella pelle e causano l’invecchiamento. Gli UVB invece provocano scottature ma stimolano anche l’abbronzatura. Gli UVC sono i più pericolosi, ma fortunatamente l’ozono terrestre li ferma.

Come sono regolamentati i prodotti solari in Italia e in Europa?

In Italia e in Europa, i prodotti solari sono considerati cosmetici. Sono quindi regolati dal Regolamento sui Cosmetici. La Commissione Europea ha anche emesso una raccomandazione sull’efficacia di questi prodotti.

Cosa indica l’SPF di un prodotto solare?

L’SPF (Fattore di Protezione Solare) mostra quanto un prodotto possa proteggere dai raggi UVB. Un numero più grande significa una protezione maggiore. In Europa, gli SPF vanno da 6 a 50+.

Quali informazioni devono essere riportate sull’etichetta di un solare?

Sull’etichetta devono esserci: il numero SPF, il bollino per l’UVA, precauzioni, e modo d’uso. Dovresti evitare prodotti che promettono “schermo totale” o “protezione per tutto il giorno”.

Qual è la differenza tra filtri solari fisici e chimici?

I filtri fisici, o inorganici, funzionano come uno schermo, respingendo e diffondendo i raggi UV. I filtri chimici, o organici, assorbono le radiazioni e le convertono in inoffensiva energia. I filtri chimici possono influenzare il sistema ormonale.

I filtri solari hanno un impatto sull’ambiente?

Sì, soprattutto quelli chimici sono dannosi per l’ambiente marino. Possono alterare geni e comportamenti degli animali acquatici come pesci, molluschi e coralli.

Link alle fonti

Articolo scritto da:

Picture of Rosalba Fiore

Rosalba Fiore

Rosalba Fiore imprenditrice eduthech, consulente, formatrice, autrice, da oltre vent’anni mette la sua esperienza a completa disposizione dei suoi clienti impegnati in diversi settori produttivi. Ha conseguito due lauree, una in Matematica indirizzo informatico ed una in Ingegneria Industriale indirizzo Gestionale, ha conseguito numerose certificazioni internazionali tecniche, linguistiche, trasversali e didattiche, presso l’Università americana Harvard Business School Online ha seguito corsi specialistici in economia e marketing e innovazione. La dott.ssa Fiore è all’albo dei periti estimativo per la Camera di Commercio per la valutazione dei piani formativi del personale e CTU del Tribunale. E’ stata consulente e formatrice per Alitalia, Poste Italiane, Autostrade per l’Italia, Università Normale Superiore ISUFI etc.

I contenuti di questo blog hanno esclusivamente scopo informativo e si riferiscono alla data di aggiornamento dell’articolo riportata in alto. Nonostante la nostra cura e revisione dei contenuti potrebbero essere presenti dei refusi e/o errori in questo caso vi preghiamo di segnalarcelo.  I contenuti non intendono sostituire consulenza e informazioni ufficiali che sono reperibili in risposta alle vostre domande inviate in chat, email o telefoniche.