Corsi di formazione LOGO FIORE ROSALBA 2024

FIOREROSALBA

sicurezza sui cantieri edili

Sicurezza nei cantieri edili: dal DUVRI al PSC e POS, passando per ponteggi, gru e piattaforme aeree

La sicurezza nei cantieri edili rappresenta una priorità assoluta, sia per la tutela dei lavoratori che per la prevenzione di incidenti e infortuni sul lavoro. In questo contesto, diversi documenti e procedure rivestono un ruolo fondamentale nel garantire condizioni di lavoro sicure e conformi alle normative vigenti. Tra questi, il DUVRI (Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali), il PSC (Piano di Sicurezza e Coordinamento) e il POS (Piano Operativo di Sicurezza) sono strumenti imprescindibili per la gestione della sicurezza in cantiere. Inoltre, aspetti cruciali come il montaggio dei ponteggi, l’utilizzo di gru su autocarro e l’impiego di piattaforme aeree richiedono un’attenta pianificazione e l’adozione di specifiche misure di prevenzione. Questi argomenti vengono affrontati in molti dei nostri corsi Industria e Edilizia

 

DUVRI: coordinamento e valutazione dei rischi

Il DUVRI è un documento obbligatorio per tutti i cantieri in cui operano più imprese o lavoratori autonomi. Il suo scopo è quello di individuare e valutare i rischi derivanti dalle interferenze tra le diverse attività lavorative presenti in cantiere, al fine di adottare le necessarie misure di prevenzione e protezione. Il DUVRI deve essere redatto dal datore di lavoro committente e deve essere consegnato a tutte le imprese e ai lavoratori autonomi che operano nel cantiere.

 

PSC: pianificazione e coordinamento della sicurezza

Il PSC è un documento fondamentale per la gestione della sicurezza in cantiere. Redatto dal coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione, il PSC contiene le misure preventive e protettive, nonché le procedure complementari e di dettaglio, da adottare per eliminare o ridurre al minimo i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori. Il PSC deve essere consultato e rispettato da tutte le imprese e i lavoratori autonomi presenti in cantiere.

 

POS: il piano operativo di sicurezza

Il POS è un documento redatto da ciascuna impresa che opera in cantiere, in cui vengono definite le specifiche misure di sicurezza adottate per le proprie attività lavorative. Il POS deve essere coerente con le indicazioni contenute nel PSC e deve essere consegnato al coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione prima dell’inizio dei lavori.

 

Montaggio dei ponteggi: requisiti e procedure

Il montaggio dei ponteggi rappresenta una delle attività più delicate e a rischio nei cantieri edili. Per garantire la sicurezza, è necessario rispettare specifici requisiti tecnici e seguire accurate procedure di installazione. In particolare, i ponteggi devono essere montati da personale qualificato e autorizzato, seguendo le indicazioni del fabbricante e le disposizioni del PSC. Inoltre, è fondamentale effettuare regolari controlli e manutenzioni per verificare l’integrità e la stabilità della struttura.

 

Gru su autocarro: utilizzo in sicurezza

L’utilizzo di gru su autocarro è un’altra attività critica nei cantieri edili, che richiede particolare attenzione. Prima di iniziare le operazioni, è necessario verificare l’idoneità del mezzo, il corretto posizionamento e l’adeguatezza delle misure di sicurezza. Durante le manovre, il gruista deve seguire scrupolosamente le indicazioni contenute nel manuale d’uso e le disposizioni del PSC, al fine di prevenire rischi di ribaltamento, caduta di carichi o interferenze con altri mezzi o lavoratori presenti in cantiere.

 

PLE: piattaforme di lavoro elevabili

Le piattaforme di lavoro elevabili (PLE) sono macchinari ampiamente utilizzati nei cantieri edili per consentire l’esecuzione di lavori in quota in condizioni di sicurezza. Prima dell’utilizzo, è necessario che i lavoratori siano adeguatamente formati e autorizzati all’impiego di tali attrezzature. Inoltre, le PLE devono essere sottoposte a regolari controlli e manutenzioni, in conformità con le indicazioni del fabbricante e le disposizioni del PSC.

 

I Rischi per gli Escavatoristi sul Luogo di Lavoro

Gli escavatoristi svolgono un lavoro essenziale nell’edilizia e nelle opere di movimento terra, ma il loro ruolo non è privo di pericoli. È fondamentale che questi professionisti siano consapevoli dei rischi che affrontano quotidianamente e che adottino le opportune misure di sicurezza per proteggersi.

Principali Rischi per gli Escavatoristi

  • Ribaltamento del mezzo – L’escavatore può ribaltarsi in caso di terreno sconnesso, pendenze troppo elevate o manovre errate.
  • Contatto con linee elettriche – Gli escavatori, con il loro braccio esteso, possono entrare in contatto con cavi elettrici aerei, causando gravi incidenti.
  • Caduta dall’alto – L’accesso e la discesa dalla cabina dell’escavatore comportano il rischio di cadute dall’alto.
  • Proiezione di materiali – Durante lo scavo, detriti e pietre possono essere scagliati violentemente, mettendo a rischio l’incolumità dell’operatore.
  • Rumore e vibrazioni – L’esposizione prolungata a rumori e vibrazioni può causare danni all’udito e problemi muscoloscheletrici.

Prevenzione e Sicurezza

Per ridurre i rischi, gli escavatoristi devono essere adeguatamente formati, utilizzare dispositivi di protezione individuale (DPI) e seguire rigorosamente le procedure di sicurezza. Il datore di lavoro ha l’obbligo di fornire un ambiente di lavoro sicuro, effettuando regolari manutenzioni dei mezzi e garantendo la corretta segnalazione di eventuali pericoli.

Solo attraverso un approccio attento alla sicurezza è possibile tutelare la salute e l’incolumità degli escavatoristi, professionisti essenziali per lo sviluppo delle nostre infrastrutture.

 

Conclusioni

La sicurezza nei cantieri edili rappresenta una sfida complessa, che richiede l’adozione di una serie di misure e procedure specifiche. Il DUVRI, il PSC e il POS sono strumenti fondamentali per la gestione della sicurezza, mentre aspetti come il montaggio dei ponteggi, l’utilizzo di gru su autocarro e l’impiego di piattaforme aeree richiedono un’attenta pianificazione e l’applicazione di rigorose misure di prevenzione. Solo attraverso un approccio integrato e la collaborazione di tutti gli attori coinvolti è possibile garantire condizioni di lavoro sicure e prevenire incidenti e infortuni sul lavoro.

Articolo scritto da:

Picture of Rosalba Fiore

Rosalba Fiore

Rosalba Fiore imprenditrice eduthech, consulente, formatrice, autrice, da oltre vent’anni mette la sua esperienza a completa disposizione dei suoi clienti impegnati in diversi settori produttivi. Ha conseguito due lauree, una in Matematica indirizzo informatico ed una in Ingegneria Industriale indirizzo Gestionale, ha conseguito numerose certificazioni internazionali tecniche, linguistiche, trasversali e didattiche, presso l’Università americana Harvard Business School Online ha seguito corsi specialistici in economia e marketing e innovazione. La dott.ssa Fiore è all’albo dei periti estimativo per la Camera di Commercio per la valutazione dei piani formativi del personale e CTU del Tribunale. E’ stata consulente e formatrice per Alitalia, Poste Italiane, Autostrade per l’Italia, Università Normale Superiore ISUFI etc.

I contenuti di questo blog hanno esclusivamente scopo informativo e si riferiscono alla data di aggiornamento dell’articolo riportata in alto. Nonostante la nostra cura e revisione dei contenuti potrebbero essere presenti dei refusi e/o errori in questo caso vi preghiamo di segnalarcelo.  I contenuti non intendono sostituire consulenza e informazioni ufficiali che sono reperibili in risposta alle vostre domande inviate in chat, email o telefoniche.