corsi Apprendistato

Scegli il tuo corso Apprendistato.

L’apprendistato è un periodo importante nel quale i  corsi di formazione, rivestono un ruolo importante, sono infatti obbligatori per tutti i lavoratori assunti con contratto di apprendistato. I lavoratori inquadrati come apprendisti, infatti, devono effettuare la formazione obbligatoria per legge durante il lavoro così d’acquisire, attraverso i corsi, competenze interpersonali, di base e competenze tecniche-specialistiche. Con la parola formazione si intende in generale un periodo iniziale di formazione, durante il quale si impara un mestiere osservando e ascoltando le persone che sono già esperti, seguendo specifici percorsi di formazione

Ci sono due tipi di corsi:

 

corsi Apprendista

 

apprendistato corso

La formazione dell’apprendista viene erogata in due corsi distinti:

Una volta seguiti questi due corsi formativi, che possono essere completati già al primo anno di assunzione, l’apprendista avra’ assolto l’obbligo formativo di fronte a tutte le norme in vigore.

Torna ai corsi apprendistato disponibili

 

corsi datore di lavoro o tutor aziendale

datore di lavoro apprendistato

Al datore di lavoro (o al tutor designato) spetta solo l’obbligo formativo del corso di TUTOR APPRENDISTA disponibile nella versione prima formazione o aggiornamento. Le norme prevedono la figura del”tutor”, il cui compito è quello di supervisionare il giovane per tutta la durata del piano di formazione individuale, assicurarsi che il trasferimento di competenze necessarie vada a buon fine e garantendo l’integrazione tra la possibile formazione esterna e interna.

–>Corso TUTOR Apprendista

Torna ai corsi apprendistato disponibili

Apprendistato

Per le aziende far frequentare questi corsi rappresenta un vantaggio, infatti le aziende che non rispettano tale obbligo di corsi di formazione per l’apprendistato non possono godere dei benefici dei contributi previsti, ecco perché è molto importante portare i lavorati i a seguire questi corsi. In caso contrario, l’azienda dovrà versare la differenza tra la contribuzione versata e quella dovuta con riferimento al livello di inquadramento contrattuale superiore che sarebbe stato raggiunto dal lavoratore al termine del periodo di apprendistato, maggiorata di 100% .

Vediamo come funzionano questi corsi che la legislazione ha previsto a sostegno del contratto di apprendistato e dei corsi di formazione professionale. L’apprendistato è un’occasione importante per ogni giovane che si avvia al lavoro. La legge ha stabilito una serie di tappe formative per l’apprendista ed il datore di lavoro/tutor aziendale.

Le leggi di riferimento sono: D. Lgs. 167/2011,  Discipline regionali di recepimento del D. Lgs. 167/2011, Discipline regionali relative all’apprendistato, Repertori Regionali dei profili professionali, CCNL (contratti collettivi nazionali del lavoro)

apprendistato

quando nasce

L’apprendistato era conosciuto già nel mondo antico, e in realtà ormai consolidata in la Civiltà occidentale come ad esempio artigianato rinascimentale. Con variazioni contestuali, che, fa la sua entrata già nella civiltà egizia, attraverso la cultura greca e latina, raggiunge l’apice nel medioevo lasciando tracce rilevati anche in epoca moderna e comincia a svanire un po’ a partire dal XVI-XVII secolo, con l’avvento di”proto-fabbriche” cioè i primi insediamenti proto-industriali.  Il periodo d’apprendistato può essere anche un periodo utile per valutare l’assunzione e la stipula di un contratto di lavoro con il datore di lavoro; questo periodo può anche essere un must, se ciò è previsto dalla legge. L’apprendistato è variamente regolato in vari Paesi del mondo come pure in Italia.

La formazione professionale è un elemento fondamentale per il lavoratore che non deve trascurarla, in quanto consente di aggiornare e ampliare le proprie competenze. Questo percorso può essere per fortuna inserito anche all’interno di un vero e proprio contratto di lavoro come nel caso degli apprendisti, il motivo di ciò è lo scambio tra produttività e retribuzione a cui si aggiunge l’obbligo formativo a carico del datore di lavoro. In quest’ultimo caso rientra il contratto di apprendistato che si configura come il principale tipo di contratto per favorire l’ingresso nel mondo del lavoro dei giovani di età da 15 a 29 anni, a seconda del tipo di formazione.

La caratteristica distintiva di apprendimento che il datore di lavoro, nell’esecuzione dell’obbligazione posta a suo conto, è tenuto a fornire, come corrispettivo della presentazione di lavoro, non solo vi è la retribuzione, ma anche la formazione necessaria all’acquisizione delle competenze professionali o alla riqualificazione

Queste due obbligazioni hanno pari dignità e non sono tra loro alternative o accessorie, il vantaggio è duplice sia per il beneficiario della formazione che ha la convenienza di imparare una professione, sia per il datore di lavoro che ha la possibilità di beneficiare di agevolazioni di tipo normativo, contributivo ed economico.

apprendistato

il contratto

Il contratto di apprendistato è stato oggetto di diversi interventi legislativi: l’ultimo, in ordine temporale, è il Decreto Legislativo 81/2015 in cui è confluito il precedente Testo Unico, arricchendolo con alcune novità. Il contratto di formazione da apprendista, per definizione è un contratto di lavoro a tempo indeterminato, si rivolge a giovani di età compresa tra i 15 e i 29 anni mentre per le regioni e le province autonome che abbiamo definito un sistema di alternanza scuola-lavoro, i contratti collettivi del contratto possono definire le modalità specifiche per l’utilizzo di tale contratto, anche a tempo determinato, come ad esempio per lavoro stagionale.

Il contratto di apprendistato prevede la forma scritta del contratto, del patto di prova e del piano di formazione individuale (PFI) che può essere redatto anche in forma sintetica nell’ambito del contratto pertanto, al momento della ricezione. Il PFI può essere definito anche sulla base di moduli e formulari stabiliti dalla contrattazione collettiva o dagli enti bilaterali. Solo nel caso di apprendistato professionalizzante è previsto l’obbligo, e solo per gli imprenditori con più di 50 dipendenti, al termine dell’apprendistato di trasformarlo in un contratto a tempo indeterminato il rapporto di lavoro almeno il 20% degli apprendisti presenti in azienda, in caso contrario non possono assumere altri apprendisti. Sono esclusi dal computo del 20% nel triennio, i rapporti di lavoro in apprendistato cessati per mancato superamento della prova, per dimissioni e per il commercio.

Il datore di lavoro, nel rispetto dei limiti previsti dalla legge, può prendere un ulteriore apprendista, anche se non ha confermato a tempo indeterminato il 20% di contratti nell’ultimo triennio.

I tre tipi di apprendimento previsti in Italia:

  • Formazione per la qualifica e il diploma professionale, diploma di istruzione secondaria superiore e di un certificato di specializzazione tecnica superiore
  • Apprendistato professionalizzante
  • Apprendistato di alta formazione e ricerca

Il primo è un contratto di lavoro che permette al lavoratore di conseguire una qualifica professionale o diploma professionale alternanza di lavoro e di studio. La durata complessiva del periodo di apprendistato è determinato tenendo conto del tipo di qualifica o di diploma da conseguire di conseguenza, non può essere superiore a tre anni o quattro nel caso di diploma quadriennale regionale.

L’apprendistato professionalizzante invece è un contratto di lavoro, il periodo di apprendistato permette il raggiungimento di una qualifica professionale ai fini contrattuali in questo caso l’obiettivo si ottiene attraverso la formazione trasversale e professionale. Possono essere assunti con questo tipo di contratto i giovani da 18 a 29 anni compiuti  in tutti i settori di attività, privati o pubblici.

L’apprendistato di alta formazione e ricerca invece permette di ottenere diversi livelli d’istruzione: diploma di scuola media superiore, diploma professionale di laurea, laurea, laurea magistrale e dottorato di ricerca. Può essere utilizzato anche per il praticantato per l’accesso alle professioni regolamentata dagli ordini.

apprendistato

chi è il tutor

Tale attività di tutoraggio deve essere svolta da un dipendente qualificato o dallo stesso titolare che diventa un vero e proprio mentore del giovane. Il datore di lavoro che intende fare da mentore può nel caso di imprese artigiane o se la sua azienda ha meno di quindici dipendenti, in questo caso il ruolo del tutor può essere svolto anche  dal partner o da un familiare purché in possesso delle specifiche competenze, ferme restando le specifiche delle Regioni che, su tale aspetto, hanno competenza primaria.

La formazione del tutor anche se oggi non è più obbligatoria è fortemente consigliata per chi non ha mai svolto l’incarico di tutor, funzione delicatissima, sia per non commettere errori nell’inserimento dell’apprendista che per rendere ottimale questa esperienza per entrambe le parti.

Torna ai corsi disponibili

SCELTI DA

Dal 2006 abbiamo avuto oltre 1000 clienti aziendali e privati cittadini soddisfatti. Oltre 4000 ore di lezione erogate in aula o presso le sedi aziendali.

“Sono davvero contenta. Ho ricevuto anche gli attestati.” Roberta Maisto

“Corso completo. Ringrazio lo staff e la dottoressa Rosalba per la professionalità e la proattività.” Chiara Cerri

“Entusiasta! Non appena ho effettuato il login ho letto alcuni contenuti del corso e mi sono da subito appassionata. Sono davvero entusiasta!” Katia Cinque 

“il corso seguito, è ben strutturato e di facile comprensione..Soddisfatta di aver frequentato i vostri corsi vi ringrazio per il sostegno” Serena Garattoni

“Ho ampliato le mie conoscenze grazie ad un programma specifico e dettagliato.” Desirèè Cantatore

“I contenuti del corso, molto chiari e l’assistenza ricevuta mi hanno fatto sentire come se stessi in aula a seguire le lezioni.” Roberta Tescaro 

Leggi tutte le TESTIMONIANZE

Hanno parlato di noi

saloneinternazionalelibro

ilquotidiano

gazzettadelmezzogiorno

 

STAGE

Sei alla ricerca di lavoro e sei un nostro cliente. Utilizza la convenzione gratuita che abbiamo stipulato con l’agenzia convenzionata

invia la candidatura

Verifica il tuo ATTESTATO

FioreRosalba.com

corsi di formazione semplici e aggiornati per persone adulte che vogliono rapidamente migliorare la propria posizione o curiose di imparare. Tra oltre 300 proposte formative di ogni livello è possibile trovare quello che maggiormente risponde alle proprie esigenze.

FioreRosalba.com : La miglior formazione online

Contattaci per l’Orientamento

Sedi Corsi ed Esami Oltre 67 Sedi

convenzionate per esami in Italia ed all’estero per i corsi di laurea triennale, laurea magistrale, Mastercorsi qualifica accreditati. Corsi  professionali a sola frequenza online. Raggiungi i tuoi obiettivi ovunque tu sia, scegli liberamente cosa è più adatto a te.

FioreRosalba.com: in aula e online

Opinioni Ex Studenti

Uffici

Sede Legale e Operativa:
Via del Gallitello 105 – Potenza

Sede Eventi e Presentazioni:
Via Montenapoleone 8 – Milano

Orari uffici: 9:00-18:00 Lun-Ven
Assistenza: 9:00-20:00 Lun-Sab tramite email, chat o telefono

FioreRosalba.com: consulenza e orientamento

Chi SiamoPremi e Riconoscimenti

Pagamenti 100% Sicuri

Prezzi IVA inclusa

PIVA IT01638080760

REA 123379

FioreRosalba.com: e-commerce della formazione

Termini e Condizioni | Privacy

top
© FioreRosalba.com 2006-2019
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE